Home
   
1
   
2
   
3
   
e-Mail
   
Guestbook
   
Contatti
 
   
 
 
Raptor 50 Titan


Thunder Tiger Raptor 50 Titan
 
Benvenuti nella pagina web di Enrico
______________________________
  
Dopo anni di aeromodelli radiocomandati, ho voluto iniziare una nuova esperienza con gli elicotteri r.c.
Come principiante di questa disciplina del modellismo dinamico, voglio mettere a disposizione tutte le informazioni riguardanti l'assemblaggio del modello,
dall'apertura della scatola, al momento del collaudo.
 
 
 
 
Di seguito  potrete vedere tutte le fasi dell'assemblaggio, con relativi commenti.
Ringrazio anticipatamente Andrea di Vaiano Cremasco mio istruttore di volo e tutti gli elimodellisti di http://heliavscale.forumcity.it  e http://www.baronerosso.it/ sempre pronti a darmi consigli utilissimi.
 
Buona visione
____________________________________________________________________
 
     
Ecco il contenuto della scatola, le buste contenenti i pezzi del modello, sono tante, ma si identificano facilmente i vari componenti evitando di aprirle tutte.
Seguire i vari step di assemblaggio sul manuale è la cosa migliore e di volta in volta aprire le buste con i pezzi richiesti.
 
Ecco una panomarica degli attrezzi usati ed una lista:
una pinza, un calibro, una pinza a becchi stretti e lunghi, una forbice con punte ricurve per tagliare il LEXAN o ABS (taglio capottina), una forbice normale (tipo elettricista), un bisturi o cutter con lame di ricambio. una pinza per uniball, due cacciaviti a stella (uno piccolo ed uno medio), chiavi a brugola da 1,5 - 2 - 2,5 - 3 mm. (già di serie nella scatola anche se personalmente preferisco quelle con manico), chiavi a tubo da 5 - 7 - 8 mm. frenafiletti medio, cianoacrilato, spray lubrificante e grasso per cuscinetti...........e molta pazienza.
 
 
---------------------------------------------------------------------------------------------
 
Inizio con il serbatoio, che è comunque già assemblato in fabbrica, si deve solo connettere i due tubicini, uno per la presa di pressione del silenziatore e l'altro che va all'header tank,  il serbatoio aggiuntivo di piccole dimensioni antischiuma.
Verificare che il pendolino non si blocchi mettendo sotto sopra il serbatoio e ricordando che un giorno (forse) il modello potrebbe fare delle acrobazie!!
 
 
--------------------------------------------------------------------------------------------- 
 
Dopo il serbatoio passo alla campana della frizione con relativo pignone, che viene inserita nel kit, con la parte su cui fa presa la massa rotante della frizione, già incollata.
Il pignone va avvitato alla campana utilizzando del frena filetti medio.
Quasi tutte le parti in metallo, viti comprese, le ho passate con uno straccio per eliminare i residui di olio protettivo o liquido di lavorazione, così da rendere attivo il frenafiletti nel caso ce ne fosse bisogno.
 
-----------------------------------------------------------------------------------------------
Ecco la parte destra del telaio, pronta per ricevere le barrette di fissaggio in plastica e metallo, della campana della frizione, dei cuscinetti, delle pulegge della cinghia per il rotore di coda ecc..

   

  
Nella foto in basso adestra, la parte destra del telaio è stata accoppiata alla parte sinistra e vi ricordo il frenafiletti per le viti metallo su metallo, niente per quelle che si avvitano sulla plastica. 
In futuro si possono ripassare con un goccia di cianoacrilato nel caso perdessero di "grip".
Prima di tirare  le viti (mai in modo eccessivo), ho voluto verificare se la campana della frizione, inserita nei cuscinetti e accoppiata all'esagono per la messa in moto con relativo albero, avesse una certa stabilità o un gioco eccessivo.
Per questo ho voluto rivedere le sedi dei cuscinetti e le sedi delle spine esagonali, alcune avevano delle bave di plastica che non permettevano il perfetto inserimento di quest'ultime!
Dopo questo controllo, avendo notato stabilità della campana frizione, dei cuscinetti dell'albero rotore e dell'esagono di accensione motore, ho stretto tutte le viti.
  ------------------------------------------------------------------------------------------------------- 
 
 La corona di trasmissione del rotore principale, con cuscinetto unidirezionale, accoppiata alla ruota di trascinamento per la cinghia del ruotino di coda.
 
  
 Ecco inserito la corona sull'albero del rotore principale.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Finalmente il motore (finalmente perchè era da anni che non ne maneggiavo uno.......solo elettrici)........... dopo aver avvitato il gruppo ventola/frizione e stretto il dado con l'onnipresente frenafiletti si deve montare un castello di all'uminio con degli spessori che vanno usati nel caso si usi il 50 Thunder Tiger (quello in dotazione nella scatola) per allinearlo correttamente
mentre in caso di motore OS, non servono.
Ovviamente frenafiletti (una goccia) sulle 4 viti che fissano il motore al castello in alluminio e come vedete nella foto sotto anche sulle 6 viti (3 per parte segnate in rosso)
che fissano tutto il "blocco motore" al telaio.
 
 
 
__________________________________________________________
Ultimo aggiornamento 29/01/2015
__________________________________________________________
Link
 
http://www.baronerosso.it
http://www.baronerosso.it/forum
http://www.youtube.com/user/MrLaser02
 
 __________________________________________________________

 



Sei il visitatore Nr.


Homepage gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!